Epicondilite: cosa è e come si cura

Agosto 14, 2020 by Brunella0
epicondilite.jpg

Ribattezzata in maniera impropria “gomito del tennista”, l’epicondilite consiste in un dolore che si concentra nell’epicondilo, che è il distretto anatomico situato in corrispondenza dell’articolazione del gomito.

Nel caso in cui il disturbo sia particolarmente grave, risultano impossibili o comunque molto dolorosi movimenti anche molto semplici, come per esempio versare da bere.

L’epicondilite interessa la zona sopra il gomito, e consiste in una infiammazione dei muscoli. Il segno tipico dell’affezione, che rappresenta il sintomo peculiare, è un dolore alla palpazione del tendine comune epicondileo e della zona in cui emerge il nervo radiale.

Il trattamento dell’epicondilite

Il trattamento orale del disturbo con i Fans di solito non è sufficiente: gli antinfiammatori, infatti, non dovrebbero essere assunti per più di 5 giorni di seguito, e in ogni caso ciò dovrebbe avvenire solo sotto la supervisione di un medico.

Nel caso in cui il dolore dovesse continuare, può essere consigliabile il ricorso a un trattamento di fisioterapia, anche per evitare che l’epicondilite diventi cronica (il che finirebbe per rendere la guarigione più complicata).

Chiaramente per risolvere il problema è necessario identificare l’origine del dolore e fare in modo che scompaia: per esempio se l’epicondilite riguarda un tennista, è necessario che il paziente smetta di giocare fino a quando il dolore non sarà superato del tutto.

La crioterapia

Un’altra strada che si può percorrere per la cura dell’epicondilite è la crioterapia, basata sul ricorso a una normale borsa del ghiaccio che deve essere applicata sull’area che causa dolore per 3 volte al giorno.

Ogni applicazione deve durare al massimo un quarto d’ora: non di più, poiché in quel caso si rischierebbero ustioni da freddo.

Le creme naturali come l’arnica e quelle antinfiammatorie possono essere utilizzate per degli impacchi serali: si applica la crema senza spalmarla e si usa della pellicola trasparente per avvolgere la zona.

I tutori per l’epicondilite

Per il trattamento dell’epicondilite si possono impiegare anche dei tutori, che presentano una struttura a bracciale composta da un supporto rigido. La fascia elastica deve essere indossata a una distanza di quattro dita dal gomito, proprio sopra la zona dolente, dove va posizionato il cuscinetto duro.

La tensione della fascia può essere regolata, a seconda delle dimensioni del braccio, attraverso lo strap collocato all’estremità.

La diagnosi e gli esami necessari

A essere colpiti dal disturbo sono soprattutto i soggetti di età compresa tra i 30 e i 50 anni. In molti casi il dolore all’inizio viene sottovalutato, e vengono eseguiti dei trattamenti poco efficaci mentre l’arto coinvolto continua a essere sollecitato.

È evidente, però, che se il tendine non viene lasciato a riposo qualsiasi programma terapeutico risulta vano. Tra gli esami strumentali a cui si può ricorrere ci sono la risonanza magnetica, o più semplicemente l’ecografia del gomito, che ha il vantaggio peraltro di poter essere eseguita facendo eseguire al Paziente alcuni movimenti (esame dinamico): questi accertamenti per altro sono utili anche per escludere la presenza di affezioni differenti.

La terapia topica e gli altri trattamenti utili

Per contrastare l’epicondilite si può fare affidamento sulla mesoterapia, sulla terapia con onde d’urto o sulle applicazioni di ultrasuoni.

A seconda dei casi, poi, si può prendere in considerazione il ricorso ai corticosteroidi per infiltrazioni locali o a una terapia topica basata su antinfiammatori in gel, in pomata o in schiuma. Solo in 1 caso su 10 può essere necessario un intervento chirurgico in artroscopia.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


©2020 Diagnostica Clinical Medical Consulting S.r.l. - P.IVA 01179560774

WhatsApp chat